Alkaline Blues

Alkaline Blues My useless space:
Pictures of the world, Music and Café Racer. An imaginary trip to prepare myself.

Qualche foto ai fulmini sembra venuta bene. Ma ora sono troppo stanco per caricarle sul blog.
Cercherò di ricordarmene domani.

Intanto buonanotte.

Reblogged from nenera

nenera:

Scoprire nuova musica e non poterla condividere con te, per esempio.

E la pazienza con cui mi ascoltavi parlare di musica sconosciuta.
E come ti offrivi di accompagnarmi ai concerti, anche se non ti interessavano.

Ho appena fatto il conto.
È un mese e mezzo che dall’ultima nostra chiacchierata, ma visto come è andata conta poco.
Quindi più di 3 mesi che non parliamo.

A me pesa molto, è innegabile.

Spero che, nonostante la tua forza, anche tu senta un minimo la mia assenza.
Spero che tutto questo spazio sia servito a qualcosa.

Riprendere a parlare in spagnolo con un tedesco, dopo 7 mesi.
Vediamo quanti vocaboli mi sono scordato.

Questa sera ho sentito frasi aberranti da miei amici riguardo le loro relazioni lunghe, e i rapporti in generale con l’altro sesso.
Cose che io mai mi sarei sognato neanche di pensare.


Penso, so, che noi eravamo molto diversi dalla media, almeno la loro media.
Non capisco perché vuoi farci fallire come loro, come gente qualunque.

Non capisco perché per così tanto tempo non sono riuscito a mostrarti chi sono.

Ti ricordi com’era quando l’abbiamo comprato?
Cresce ogni giorno. Non ha mai smesso un momento, ma se lo fissi ovviamente non puoi notarlo.

Ti ricordi com’era quando l’abbiamo comprato?

Cresce ogni giorno. Non ha mai smesso un momento, ma se lo fissi ovviamente non puoi notarlo.

nevver:

“A narcissist is someone better looking than you are.”

Reblogged from nevver

nevver:

A narcissist is someone better looking than you are.

You are my…

You are my…

Stanotte non volevo passare vicino casa tua. 
Stavo già rientrando in casa, quando ho visto che tutte le rose avevano fiorito. 
È stato un riflesso incondizionato: sono salito a casa, ho preso le cesoie e mi sono ritrovato con una rosa dentro la felpa, vicino al cuore.

Lungo il tragitto una spina mi si è conficcata nella pelle, sul petto, ma non ho spostato la rosa. Era un dolore lieve ma costante, come te.


Mi sono trattenuto dal metterla proprio a casa tua, perché so che la prenderesti come una cosa brutta.
Così l’ho messa sul vialetto di uscita, sperando che tu domattina, uscendo, la noti, l’apprezzi e ti faccia venire il dubbio che non sia proprio per te.

Stanotte non volevo passare vicino casa tua.
Stavo già rientrando in casa, quando ho visto che tutte le rose avevano fiorito.
È stato un riflesso incondizionato: sono salito a casa, ho preso le cesoie e mi sono ritrovato con una rosa dentro la felpa, vicino al cuore.

Lungo il tragitto una spina mi si è conficcata nella pelle, sul petto, ma non ho spostato la rosa. Era un dolore lieve ma costante, come te.


Mi sono trattenuto dal metterla proprio a casa tua, perché so che la prenderesti come una cosa brutta.
Così l’ho messa sul vialetto di uscita, sperando che tu domattina, uscendo, la noti, l’apprezzi e ti faccia venire il dubbio che non sia proprio per te.

L’ho battezzato il fiore della focaccia di Recco. Quando l’ho scattata ne stavo mangiando un pezzo.

L’ho battezzato il fiore della focaccia di Recco. Quando l’ho scattata ne stavo mangiando un pezzo.